"GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Andare in basso

"GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Ven Gen 14, 2011 12:04 pm

Caro Marcello; premetto che ciò che evidenzierò in questa mia scrittura ha come unico scopo ad approfondire argomenti politici da dibattere anche con altri utenti nel Forum.Questo permetterà di capire fino in fondo se gli interlocutori o i Soci(brutta parola) che aderiscono a NDE hanno veramente le idee chiare sulla realtà del nostro paese e come intendono renderlo una Nazione Unita dove poter sognare il proprio fuTuro,come è accaduto a me negli anni 70. La mia iscrizione all'NDE è casuale e dovuta al semplice fatto che è rappresentata da Giovani,questo vi fà già onore l'altra cosa gradita è che non vi è la presenza di Celebrità dalla quale è meglio starne a dovuta distanza. Se le mie argomentazioni avranno un senso comprensibile ai più, ciò causerà degli approfondimenti unicamente costruttivi se invece saranno interpretati come fischi per fiaschi la speranza che questo paese cambi davvero bisognerà riporla alla terza guerra mondiale.
Quando ho sottoscritto il mio consenso all'adesione di NDE ,mi sono state richieste le motivazioni per aderire, io le ho fornite,un'email di risposta affermava di averle gradite,non sò se sono stato comprensibile,ora le ribadisco. Dà dei giovani mi sarei aspettato idee "rivoluzionarie"non comuniste, non fasciste, non socialiste, non liberali,non armate, la novità a parer mio doveva partire dal Nome del partito che si voleva Costituire,ed è questa la mia prima perplessità. E'vero che non è un nome o una bandiera a costruire una Nazione, certamente sono gli uomini con le loro capacità volontà e onestà,ma è anche vero che nella nostra società in modo particolare quella nostra di oggi con un'ignoranza imperante gli slogan hanno effetto,vedi il successo della Lega Nord.I suoi rappresentanti politci sono ciò che di peggio si sia prodotto nel nostro paese,sono privi di idee e di argomenti,dalla mattina alla sera usano un unico vocabolo,federalismo e poi secessione, considerando i loro avversari politici,sono convinto che otterranno quello che si prefiggono. La mia convinzione nasce dal fatto che molti da molto tempo hanno fatto il lavaggio del cervello a questa gente,ignara delle conseguenze disastrose alle quali andremo tutti incontro,alle nuove generazioni ancor più delle vecchie gli viene raccontata sempre la stessa storia,che sono gli unici a lavorare che sono gli unici a produrre reddito,e che le loro tasche sono le uniche ad essere svuotate da Roma Ladrona,per essere elargite a noi
che ci dividiamo i loro sudori.Questo basta per farli crescere politicamente,come vedi basta poco l'Antistato.
Se tali stronzate le racconti tutti i giorni ad un bambino stai tranquillo che avrai un adulto indottrinato in tal
senso e non gli cambierai più idea nemmeno se gli spacchi la testa nonostante il loro credo li farà precipitare
in un pozzo senza ritorno,come paragone questo e simile all'effetto che ha sulle masse la religione,il tuo credo
lo porti fino alla tomba, l'ipocrisia la contraddizione e l'ignoranza insieme ai luoghi comuni sono la forza delle
forze del male che vinceranno sempre su quelle della ragione,perchè ragionare richiede impegno,e l'impegno richiede la conoscenza e la capacità d'interpretazione,quindi la lotta politica stà semplicemente nell'istruzione delle masse ai valori reali per una società che si prefigge un lungo futuro,Solidarietà,Ricerca,Lavoro,ecc.
Ora viene l'area dove avete ubicato la vostra posizione politica con il nobile intento di cambiare la realtà del
nostro paese(come vedi nemmeno a me viene la parola Italia)ne sono nauseato abbastanza,ma devo accettare che ci sono nato,non vado via ma cercherò di cacciare via chi vuole che me ne vadi.voi vi siete definiti Democratici,forse tale scelta,io non conosco i vostri programmi per ora,dicevo tale scelta nasce dalla paura di non apparire innocui,forse invece per furbizia,ho forse ingenuità,io voglio credere a quest'ultima, all'ingenuità di una giovinezza che è cresciuta in una società dove sono spariti i valori compreso quelli che rappresentano alcune parole,Democrazia questa parola viene impropriamente usata in mezzo mondo o meno da tutti gli schieramenti politici dall'estrema destra all'estrema sinistra per 40 anni nel nostro paese dalla DC,quindi in Italia oggi siamo tutti Democratici,allora dove sono i nostri rivali ideologici,chi è che ci frega tutti i giorni visto che pure io sono un democratico? perche devo creare un nuovo partito democratico, chi si accorgerà che esisto? in mezzo a 60 milioni di democratici.Allora perchè in Italia i giovani non hanno un futuro, ebbene se non abbiamo un futuro la colpa è la Democrazia, non la parola di per se il problema è che non sappiamo più chi è il nostro avversario,essendo tutti dei democratici,devo ritenere che tutti diciamo di essere democratici ma pochi forse lo sono,fino a che non vai a rompergli le uova nel paniere.Credo che nella realtà e
nell'immagginario collettivo,la parola non ha più nessun senso compiuto,ma viene usata in mancanza di argomenti di risposte o per tutelare la propria difesa personale quando si sà di essere colpevoli,posso dire io mi sono comportato democraticamente,se qualcuno asserisce il contrario lo porto in Tribunale,sapendo che la cosa muore li.10 milioni di cause pendenti,se ne discuti una al giorno ci vogliono 10 milioni di giorni,la nostra vita a essere generosi di 100 anni è di 36500 giorni,questo è il contributo regalatoci dalla Democrazia,questo è il maggiore contributo che a reso possibile l'immoralizzazione del nostro popolo.Ora vi espongo un personalismo mio nonno a partecipato alla prima guerra mondiale,mio padre alla seconda,aveva 18 anni,si è ammalato di Pleurite Bilaterale,tutte le documentazioni sono riscontrabili,prima di morire nell'anno 1953 a inoltrato domanda per la pensione,l'ha persa per decorrenza dei termini è finita nellanno 2005,ho fatto ricorso al tribunale Europeo per il ritardo abnorme per avere una sentenza definitiva il Tribunale Europeo ha riconosciuto le mie ragioni ed a imposto allo stato Italiano un risarcimento nei miei confronti sostansioso.quando sono andato a discutere del fatto con il mio avvocato,sulla sua scrivania c'erano una catasta di ricorsi vinti.Secondo voi quei soldi chi li paga? con questo piccolo intrattenimento vi ho comunque proposto una soluzione ai problemi che incontrerete voi giovani per arrivare alla pensione,fate così inventatevi una causa con un vicino di casa lasciatela marcire in tribunale non è difficile.quando sarete vecchi andate alla cassa a riscuotere. Ora torniamo a noi se ci si espone a fare i politici per prendere consensi bastava creare la"Democrazia Cristiana"qual'è la differenza tra Democrazia Cristiana,Democrazia Europea,Democrazia Di Sinistra,Democrazia Di Destra,Democrazia Liberale,Stato Democratico,che cavolo andiamo a votare se siamo tutti Democratici? Allora per intenderci in Italia dal 1948 a tutt'oggi si sono succeduti solo governi a definizione Democratica e questi sono stati i risultati,propabilmente insanabili.(veramente pensiamo di essere una variante credibile predicando ancora la parola Democrazia)(è roba da non crederci) personalmente non ci scommetterei un centesimo.60 anni di Democratici in Italia:"2milioni di miliardi di debito pubblico in crescita"queste sono Tasse evase dai molti mentre il debito è di noi tutti, Mafia"Ndrangheta'Camorra"sacra Corona Unita"Lobbie"Cricche"Caste"Evasione Fiscale"Condoni"Indulti" Depenalizzazione Falso in Bilancio"Ministri Corrotti"Giudici Corrotti"Falsi Invalidi"Crack Cirio,Crack Parmalat,Crack Alitalia,Crack Telecom,Crack Ferrovie dello Stato,Crack RAI,Dirigenti con 7 stipendi,Stragi di Stato,Immigrazione di Massa fino agli anni 70,Disoccupazione Cronica,Mancanza di Infrastrutture,Fuga di Cervelli.
Nord Italia che vuole la Secessione,Sud italia che visto che non ha capito con chi la vuole ci stà insieme al Governo per attuarla.quindi Carnefici e Vittime allo stesso banchetto,oltretutto tanto per terminare i Ricchi sono puù Ricchi ed i poveri più poveri,il 10% delle famigle Italiane possiede il 50% della ricchezza Nazionale,di questo passo tra 10 anni arriveranno al 60%.Mentre ci sono ancora dei Democratici che parlano di crisi Mondiale,bella scusa del CA... noi in Italia che siamo in crisi da sempre,fino all'anno 2000 ne uscivamo svalutando la Lira reiniziavano le Esportazioni ora con l'euro forte e nell'impossibilità di svalutarlo a nostro uso e consumo,con il calo Reale dell'abbassamento dei consumi ,grazie alle politiche Democratiche i poveri sono piu poveri,e il 10% dei Ricchi non è che puo andarsi a comperare le scarpe che dovremmo comperarci per noi,per muovere il mercato e di conseguenza il lavoro,bene queste sono le verità che porteranno il paese 30 anni indietro,per certe cose lo siamo sempre stati,Questi Maiali Politici oltre ad essere degli inetti incapaci pagati a fior di quattrini,non hanno mai avuto nemmeno un briciolo di amor proprio sono Maiali e Basta,i maiali almeno mi sono simpatici.E vero che l'unica economia in grado di reggere il tempo fino ad oggi è stata quella del Capitalismo,anche perche eravamo in pochi a sfruttare tutto lo sfruttabile,ma a noi sono state riservate solo le briciole,è Finita per chi non se n'è fosse accorto.A tutt'oggi piaccia o no il freno all'ingordigia del Capitalismo sono state le lotte operaie sindacalizzate,senza in Italia con la mentalità esistente e come cultura le dicerie dei luoghi comuni ,ancora andavamo in giro con la Valigia di Cartone per il Mondo,ma vedo che ci siamo molto vicini,c'è ancora chi afferma che i sindacati hanno rovinato l'italia,questa è la ricompensa per chi ha reso questo paese allora civile.Vogliamo vedere cosa sta accadendo oggi,la questione è fresca di giornata,la FIAT,quando il mercato era fiorente e i dividendi erano consistenti quei soldi almeno una parte andavano reinvestiti,sono stati reinvestiti all'estero,come beni personali,almeno questo è ciò che si è letto ultimamente,ora con la crisi non delle automobili ma delle Borse e della Fiat che la imputa alla globalizzazione,ma qualcuno di voi in Italia per caso a visto girare automobili CINESI,INDIANE, AFRICANE,RUSSE,TURCHE,AMERICANE,AUSTRALIANE,qui girano solo macchine prodotte in Europa
allora dov'è il problema della globalizzazione,il problema è FIAT.Visto che il suo prodotto è ed è rimasto quello che è,visto che non possiamo svalutare l'euro come si faceva con la lira,per essere competitivi in Europa,invece di vendere automobili vendiamo la manodopera,ma a chi,a chi la manodopera costa di più,all'America,non di certo ai Cinesi,l'accordo con la KRAYSLER è questo,in cambio di 1 milardo di euro da investire in Italia,per produrre automobili da vendere in America dove alla KRAYSLER la mano d'opera in America costa 60$ l'ora contro i 30 dell'italia,Marchionne non è preoccupato perche non vende auto,la sua unica preoccupazione è far salire il titolo Fiat in Borsa è cosi che il capitalismo guadagna soldi,non con la produzione,l'investimento di un miliardo serve a questo,potersi permettere di licenziare serve a far salire i Titoli.E'tutto qui.Il capitalismo vive alla giornata,e per sopravvivere a un'unica arma,tenere costantemente il paese sottoscacco con la minaccia del lavoro,maggiore sarà la disoccupazione maggiore saranno i profitti,potrebbe non funzionare se coalizzassero questo piano,visto che se manca chi acquista produrre per chi? ma visto che ognuno vive per se la cosa funziona,oggi crisi auto,domani crisi abbigliamento,ecc.ecc.La soluzione c'è,e non è quella di ammazzare di lavoro una società,che al contrario la modernità e le innovazioni dovevano apportare benefici non conflitti,ma è quella di togliere i priviligi di usare i soldi pubblici per il bene di tutti,e rendere una Tirannia fiscale un giusto tributo pari a ciò che è da fare nell'interesse Generale.Ma invece di perseguire questi obiettivi i nostri politici che nulla hanno a che fare da sempre con parole come organizzazione,amministrazione,non per colpa loro,proprio per incapacità individuali,una cosa conoscono bene,d'altronde come qualsiasi ignorante sulla terra,i soldi delle loro tasche,che possibilmente devono essere maggiori di quelle delle tue,e sanno benissimo che rimanere nel circuito della politica ciò è possibile,quindi ci rimangono attaccati fino alla morte di Sansone con Tutti i Filistei. Attualmente se la stanno vedendo brutta anche loro,perchè a rischio sono le proprie tasche.Il debito pubblico è l'unico argomento d'interesse,per non farlo salire oltre la soglia del non ritorno,ma per me già ci siamo,abbiamo 31 mila euro di debito per ogni cittadino Italiano,ne sapete qualcosa, non potendo più alzare di un centesimo le tasse,visto che con l'euro sono spariti anche i pochi risparmiatori,fanno tagli pazzeschi aumentano i costi di tutti i beni,ma di più non sanno fare,con il risultato di frenare i consumi,dicendoci di essere ottimisti e di consumare,ma con quali soldi.Io credo che abbiamo a che fare con delle teste di C....che sinceramente dovremmo passargli tramite l'Inps la quota per l'Accompagno,oltre allo stipendio da parlamentari,e tenerli a casa,perderemo i loro costi,ma almeno non avremo Danni da riparare.Dietro queste osservazioni non vi è nessuna appartenenza politica,è la storia di ciò che è accaduto e accade in Italia,non bisogna avere un credo politico,basta essere buoni osservatori,se si è schierati non si capisce un fico secco.Oggi tanto per essere un pò ottimisti se pensiamo che c'è una minima speranza per salvare questo paese da quella schiera di Talebani che si Definiscono Libertari e Democratici che ci governano,la strada più ardua assomiglierebbe alla Rivoluzione Francese,ma noi no noi vogliamo provare ancora con le parole,siamo fiduciosi,sarà molto difficile comuque isolare Corrotti e Corruttori in un paese dove Moralità e Democrazia sono Fantascienza,L'immoralità ormai è diffusa nella società,non cè n'è accorgiamo nemmeno più tanto è entrata a far parte del nostro DNA anzi più si è immorali e più si è stimati è prassi consolidata che le cose debbano andare così,guarda il consenso che ha il nostro presidente del Consiglio e ti rendi conto con chi hai a che fare. Possiamo affermare come sappiamo tutti che l'italia è rimasta a Garibaldi,bene se noi diciamo di appartenere a quel periodo potremmo alzare una breccia contro chi vuole distruggere l'Italia l'unico credo possibile per sperare è una "GIOVANE ITALIA" raccontiamo la nostra storia passata e quella attuale ai giovani lavoratori, ai studenti, gli daremmo dei sani Ideali e trascineremo gli anziani che vogliono credere nei Giovani,la "GIOVANE ITALIA" VINCERA'

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Ven Gen 14, 2011 12:20 pm

sposto il topic nella sezione adatta, presentazioni.

COmunque il tuo intervento è sicuramente lungo e mi riservo di intervenire meglio successivamente, ma

A) Nuova Democrazia Europea è il nostro nome, e se vai sul sito è spiegato il perchè ed il per come di quel nome e del simbolo.

B) Socio non è una brutta parola, è quel che siamo, noi siamo soci di un progetto.

c)
Dà dei giovani mi sarei aspettato idee "rivoluzionarie"non comuniste, non fasciste, non socialiste, non liberali,non armate

Ed infatti non ci sono quelle che elenchi, ci sono solo idee fatte e sviluppate da persone senza rifarsi ad alcuna ideologia.

Possiamo affermare come sappiamo tutti che l'italia è rimasta a Garibaldi

Direi proprio di no, in mezzo ci sono state due guerre mondiali, sconvolgimenti sociali e politici, fenomeni storici della nostra patria oramai mitizzati, ecc... se l'Italia fosse ancora ferma a Garibaldi e Cavour temo seriamente che oggi già non esisterebbe più... e badare che la mia stima per quel periodo è altissima, nonostante tutti i problemi ed i difetti dell'epoca, che spesso hanno anche influenzato negativamente la stessa storia patria per diverso tempo...


"GIOVANE ITALIA"

L'hanno già usato, area giovani del PdL.

http://www.giovaneitalia.it/

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da M.G. il Ven Gen 14, 2011 1:48 pm

Scusa se te lo dico, ma il tuo intervento è molto lungo, contorto, difficile da seguire e pieno zeppo di errori grammaticali...

M.G.
Admin

Messaggi : 661
Data d'iscrizione : 21.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Dario De Vita (iRad) il Ven Gen 14, 2011 1:53 pm

Michael le critiche sono ben accettate in generale, ma devono essere propositive altrimenti vengono colte come semplici accuse. Se il tuo intento è quello di avere una maggiore chiarezza sul messaggio che Michele voleva comunicare, ti invito a spiegarlo in maniera più esplicativa.
Per quantio riguarda gli errori grammaticali, possono capitare e (te ne do atto) complicano la scorrevolezza della lettura, ma poni più attenzione sul contenuto e sposta lì l'attenzione alla discussione.
Più dibattito, meno appunti! Wink
avatar
Dario De Vita (iRad)

Messaggi : 797
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 34
Località : Napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Ven Gen 14, 2011 3:30 pm

mikeguerini ha scritto:Scusa se te lo dico, ma il tuo intervento è molto lungo, contorto, difficile da seguire e pieno zeppo di errori grammaticali...
Questo è uno dei motivi per cui dico che L'Italia è ancora da costruire.la forma la lascio agli intellettuali e ai professori di Italiano

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Ven Gen 14, 2011 3:32 pm

Dario De Vita (iRad) ha scritto:Michael le critiche sono ben accettate in generale, ma devono essere propositive altrimenti vengono colte come semplici accuse. Se il tuo intento è quello di avere una maggiore chiarezza sul messaggio che Michele voleva comunicare, ti invito a spiegarlo in maniera più esplicativa.
Per quantio riguarda gli errori grammaticali, possono capitare e (te ne do atto) complicano la scorrevolezza della lettura, ma poni più attenzione sul contenuto e sposta lì l'attenzione alla discussione.
Più dibattito, meno appunti! Wink
A te credo lo posso dire,il testo è la dissacrazione della Democrazia in Italia

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da M.G. il Ven Gen 14, 2011 3:37 pm

lanciamichele ha scritto:
mikeguerini ha scritto:Scusa se te lo dico, ma il tuo intervento è molto lungo, contorto, difficile da seguire e pieno zeppo di errori grammaticali...
Questo è uno dei motivi per cui dico che L'Italia è ancora da costruire.la forma la lascio agli intellettuali e ai professori di Italiano
Do più peso alla sostanza che alla forma (infatti non ho criticato il contenuto, perchè comunque in genere ciò che è scritto non è cosi sbagliato) ho solo detto che è difficile da seguire e contorto perche sono stati toccati moltissimi punti in un unico intervento, generando confusione (dovuta anche ad una forma non sempre perfetta).
Spero di essermi spiegato meglio ora.

M.G.
Admin

Messaggi : 661
Data d'iscrizione : 21.12.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Ven Gen 14, 2011 3:48 pm

Umberto Banchieri ha scritto:sposto il topic nella sezione adatta, presentazioni.

COmunque il tuo intervento è sicuramente lungo e mi riservo di intervenire meglio successivamente, ma

A) Nuova Democrazia Europea è il nostro nome, e se vai sul sito è spiegato il perchè ed il per come di quel nome e del simbolo.

B) Socio non è una brutta parola, è quel che siamo, noi siamo soci di un progetto.

c)
Dà dei giovani mi sarei aspettato idee "rivoluzionarie"non comuniste, non fasciste, non socialiste, non liberali,non armate

Ed infatti non ci sono quelle che elenchi, ci sono solo idee fatte e sviluppate da persone senza rifarsi ad alcuna ideologia.

Possiamo affermare come sappiamo tutti che l'italia è rimasta a Garibaldi

Direi proprio di no, in mezzo ci sono state due guerre mondiali, sconvolgimenti sociali e politici, fenomeni storici della nostra patria oramai mitizzati, ecc... se l'Italia fosse ancora ferma a Garibaldi e Cavour temo seriamente che oggi già non esisterebbe più... e badare che la mia stima per quel periodo è altissima, nonostante tutti i problemi ed i difetti dell'epoca, che spesso hanno anche influenzato negativamente la stessa storia patria per diverso tempo...


"GIOVANE ITALIA"

L'hanno già usato, area giovani del PdL.

http://www.giovaneitalia.it/
Una Nazione è la sua realtà socio politica non la sua forma geografica,e per non bastare a nord dell'Italia è in atto anche la distinzione in questo,o sono in malafede?

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Ven Gen 14, 2011 4:38 pm

Non ho proprio capito cosa intendi con il tuo ultimo messaggio.

Ovviamente non mi riferivo alla sola forma geografica, ne mi sembra di averne parlato, ci mancherebbe altro.

Comunque fortunatamente mi sembra che l'Italia ancora esista come nazione (nazione è un concetto ben diverso da Stato per inciso).

Non mitizziamo troppo certe adunate della Lega Nord, lo dico da abitande proprio di quel nord: sono un fenomeno minoritario, la maggior parte di quelli che vota Lega sono italiani che non rinnegano l'Italia, ma solo che ce l'hanno per quello o quell'altro aspetto della gestione dello stato italiano e vengono quindi facilmente 'raccolti' dagli slogan e dalle semplicistiche analisi e soluzioni della Lega in questo caso (ma per quel che mi riguarda anche dalla parte opposta e guardando partiti di dimensioni similari non vedo molte differenze).

Se la Lega non parlasse di sicurezza/immigrazione/ecc o cavalcasse qualche questione con qualche slogan qualunquistico o agli inizi '90 non avesse cavalcato l'antipolitica del post Tangentopoli e si bloccasse sulle sue posizioni più estreme secessioniste prenderebbe un quarto dei voti che prende attualmente.

Per quanto importante e analizzabile sotto l'aspetto sociologico quella minoranza (di una minoranza), preferisco parlare e guardare alle cose concrete, non di un Borghezio vestito da celta e pochi altri che lo seguono durante qualche improbabile raduno a prendere un bicchiere d'acqua alla sorgente del Po' o un sindaco, di un piccolo comune, in una delle poche zone dove la Lega ha una maggioranza del 50%+1 (e comunque ben lontana da valori pebliscitari, ben lontani pure da valori che ci si potrebbe aspettare da un comune di quelle dimensioni) che confonde libertà con imposizione dei propri valori e per questo viene ripreso e marginalizzato pure dai suoi compagni di partito...

Le questioni legate alla Lega sono ben altre, dalla sua 'potenza' nei confronti del governo in carica, agli affari ad esso legati che spesso sfociano, anche se in maniera spesso non collegabile alla Lega di primo acchitto, in questioni a livello nazionale (come l'affaire recente Finmeccanica in realtà legato a giochi di potere per togliere dall'ex componente AN il controllo di Finmeccanica e farlo passare sotto un controllo più vicino alla Lega e alle sue esigenze elettorali in termini di localizzazioni di produzioni/stabilimenti), la secessione oramai è storia passattissima all'interno della Lega stessa... a Roma tutti si trovano bene checchè ne dicano...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Ven Gen 14, 2011 11:54 pm

Diciamo che sembra che l'Italia esista solo perchè delimitata da confini reali e fisici. Il nostro paese è un insieme di realtà differenti culture che differiscono in alcuni dettagli che a volte vengono ingigantiti dall'ignoranza di alcune persone che non sono in grado di capire che Italia significa popolo italiano, nazione Italia e non una scatola delimitata da linee di confine.
Gli italiani sembra che nonostante siano passati 150 anni pensano che l'italia sia suddivisa ancora in sottostati............e questo permettetemi è un ragionamento da imbecilli.
Mi sembra che una frase continui a riecheggiare......"abbiamo fatto l'Italia ora bisogna fare gli italiani"........chissà come ci giudicherebbe chi l'ha pronunciata.Very Happy

Comunque perdonatemi se lo dico a me Giovane Italia mi sembra tanto di estrema destra..........è solo un mio appunto che mi porta ad associare le precedenti parole ai vecchi tempi Very Happy

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

"GIOVANE ITALIA" CHIARIMENTO

Messaggio Da lanciamichele il Sab Gen 15, 2011 4:38 pm

Ciao a tutti; questa scrittura a chiarimento del mio testo precedente, il quale non voleva essere argomento di
verbi e rime, ma sono state delle concise esternazioni, pensate e scritte cosi come sono venute, non faccio il
politico di mestiere, ma sono osservatore di ciò che intorno a me si muove, come si muove, e dove mi vuol
portare, visto che mi ci trovo con la carne le ossa e la mente.
Quello che a me interessa non è il politichese, ma è capire se la mia osservazione in merito all'opportunità oggi,
ora, se definirsi Democratici, invece che; socialisti, repubblicani, liberali, fascisti, anarchici, abbia un minimo di
credibilità che possa affascinare e coinvolgere i delusi e gli assenti, che la Democrazia, oltre a ciò, ha prodotto
tanto più di negativo,tanto meno di positivo nel nostro paese dal 1948 ad oggi.
Qual'è il confine che contraddistingue l'essere Democratici da l'essere Tiranni, quando una democrazia rappresentata da chi si erge a paladino di essa e ai "TESTI SACRI" dei diritti costituzionali dal 1948 ad oggi volutamente non ne applica correttamente nemmeno uno, ma ne fa menzione solo quando sono lesi i diritti propriamente personali. Perchè tutti noi per vedere riconoscere i propri debbano aspettare che vengano esaminati e riconosciuti dalla corte D'EUROPA. Due sono le cose; o La Democrazia non è il Mezzo o Gli Italiani non sono assimilabili ad essa.

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Sab Gen 15, 2011 6:48 pm

lanciamichele ha scritto:Ciao a tutti; questa scrittura a chiarimento del mio testo precedente, il quale non voleva essere argomento di
verbi e rime, ma sono state delle concise esternazioni, pensate e scritte cosi come sono venute, non faccio il
politico di mestiere, ma sono osservatore di ciò che intorno a me si muove, come si muove, e dove mi vuol
portare, visto che mi ci trovo con la carne le ossa e la mente.
Quello che a me interessa non è il politichese, ma è capire se la mia osservazione in merito all'opportunità oggi,
ora, se definirsi Democratici, invece che; socialisti, repubblicani, liberali, fascisti, anarchici, abbia un minimo di
credibilità che possa affascinare e coinvolgere i delusi e gli assenti, che la Democrazia, oltre a ciò, ha prodotto
tanto più di negativo,tanto meno di positivo nel nostro paese dal 1948 ad oggi.
Qual'è il confine che contraddistingue l'essere Democratici da l'essere Tiranni, quando una democrazia rappresentata da chi si erge a paladino di essa e ai "TESTI SACRI" dei diritti costituzionali dal 1948 ad oggi volutamente non ne applica correttamente nemmeno uno, ma ne fa menzione solo quando sono lesi i diritti propriamente personali. Perchè tutti noi per vedere riconoscere i propri debbano aspettare che vengano esaminati e riconosciuti dalla corte D'EUROPA. Due sono le cose; o La Democrazia non è il Mezzo o Gli Italiani non sono assimilabili ad essa.

Il significato etimologico della parola "Democrazia" sta di fatto nell'unione delle due parole demos e kratos dove la prima sta a significare popolo e la seconda governo, il tutto si traduce in " forma di governo a cui prendono parte diretta o indiretta i citadini, essendoci le elezioni a cui i cittadini partecipano ecco che non si puo' non definire che siamo una democrazia ed ecco perche' tutti si definiscono democratici.
Ma i bravi greci hanno "inventato" anche il termine DEMAGOGIA la quale parola e' sempre composta da demos che sta per popolo e da ago che significa trascinare come si traduce in altri termini? Che il raccogliere consensi dal popolo, basandosi su emotivita', su pregiudizi, su false parole o meglio su belle parole volte solo a conquistare il consenso dei votanti non e' piu' democrazia perche' e' vero che il popolo partecipa, ma e' obnubilato. La demagogia era una delle forme di governo che, secondo Platone e Aristotele, come degenerazione della democrazia era destinata a divenire tirranide o anarchia.
Hitler diceva "Le masse sono abbagliate più facilmente da una grande bugia che da una piccola.".
Quindi fra democrazia e tirannide c'e' in mezzo la demagogia, dai piu' praticata, ma mai nominata. D'altronde te lo vedi un partito nominarsi demagogo???

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Dom Gen 16, 2011 12:26 pm

Ciao,
panem et circens nella Roma Antica,questo è il problema,che ponevo ai costitutori di NDE non me ne vogliano perche comunque li ammiro sono degli ottimisti,perseguire ostinatamente sapendo benissimo di finire nella Demagogia, le masse di cui ne faccio parte pur non conoscendo il significato etimologico delle parole,anno capito a naso,o se vogliamo con la propria pelle che Democrazia nel nostro paese è Demagogia,il ripetersi ostinato di 60 anni di Demagogia stanno per raggiugere il traguardo finale siamo ai botti. La continua ed in aumento diserzione alle urne, il proliferare di qualcosa ancor peggiore della Demagogia,la disgregazione della intera società,per cui ognuno cerca di coltivare il suo orto ed isolarsi dal resto,farà dei danni peggiori,non si ha nemmeno più fede che l'unione faccia la forza,siamo nella completa confusione,stiamo finendo nel baratro,questa non è Demagogia. O si fa Roma o si Muore siamo qui. Ora che abbiamo ancora un briciolo di forza troviamo il coraggio di cambiare strada,io la mia soluzione c’è l'ho, ma discutiamole tutte, senza l'interferenza dei filosofi della politica che di guai ne hanno creati abbastanza,ma attenti anche a chi pensa che una società sia un'azienda,quella è la razza dei Narciso Demagoghi, il peggio del peggio, mentre alcuni dei filosofi sono riusciti a farsi sparire ,forse non sapevano che le loro attitudini andavano impiegate nella Magia. Non è che va sconfitta la Democrazia va sconfitto chi ci si professa, e visto che non può essere fatto con la forza almeno non usare lo stesso linguaggio, l'antidemagogia è l'onesta, che sta nel disintegrare l'immoralità diffusa che è sempre più premiata come un merito, iniziando dalla costruzione di un nuovo metodo di fare e di applicare la giustizia,"primo punto"tutto si renderebbe più facile e possibile, o si è capito questo, o si perseguirà nell’impotenza totale.

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Dom Gen 16, 2011 12:53 pm

lanciamichele ha scritto:Ciao,
panem et circens nella Roma Antica,questo è il problema,che ponevo ai costitutori di NDE non me ne vogliano perche comunque li ammiro sono degli ottimisti,perseguire ostinatamente sapendo benissimo di finire nella Demagogia, le masse di cui ne faccio parte pur non conoscendo il significato etimologico delle parole,anno capito a naso,o se vogliamo con la propria pelle che Democrazia nel nostro paese è Demagogia,il ripetersi ostinato di 60 anni di Demagogia stanno per raggiugere il traguardo finale siamo ai botti. La continua ed in aumento diserzione alle urne, il proliferare di qualcosa ancor peggiore della Demagogia,la disgregazione della intera società,per cui ognuno cerca di coltivare il suo orto ed isolarsi dal resto,farà dei danni peggiori,non si ha nemmeno più fede che l'unione faccia la forza,siamo nella completa confusione,stiamo finendo nel baratro,questa non è Demagogia. O si fa Roma o si Muore siamo qui. Ora che abbiamo ancora un briciolo di forza troviamo il coraggio di cambiare strada,io la mia soluzione c’è l'ho, ma discutiamole tutte, senza l'interferenza dei filosofi della politica che di guai ne hanno creati abbastanza,ma attenti anche a chi pensa che una società sia un'azienda,quella è la razza dei Narciso Demagoghi, il peggio del peggio, mentre alcuni dei filosofi sono riusciti a farsi sparire ,forse non sapevano che le loro attitudini andavano impiegate nella Magia. Non è che va sconfitta la Democrazia va sconfitto chi ci si professa, e visto che non può essere fatto con la forza almeno non usare lo stesso linguaggio, l'antidemagogia è l'onesta, che sta nel disintegrare l'immoralità diffusa che è sempre più premiata come un merito, iniziando dalla costruzione di un nuovo metodo di fare e di applicare la giustizia,"primo punto"tutto si renderebbe più facile e possibile, o si è capito questo, o si perseguirà nell’impotenza totale.

Pensa che da piu' parti stanno iniziando a citare "Il partito degli astenuti" che non sono una bassa percentuale e' che se tutti insieme tornessero a votare e votessero per la stessa formazione politica farebbero davvero il partito di maggioranza.
Credo che siano quelle persone che non si sentono rappresentate dai bei discorsi a cui poi non seguono i fatti che dovrebbero trasformare le parole in azione(almeno per me e' cosi')
La demagogia non e' sempre possibile poterla riconoscere a priori, ma per chi ha passato i 20 e anche i 30 credo che abbia un tale bagaglio di falsa democrazia che sia inevitabile usare, come si suol dire "i piedi di piombo" credo che ci si fermi ad osservare ogni piccola sfumatura e ogni singola "puzza" di demagogia.
Il sociale sembra quasi non esistere piu' in questo paese, si discute dei privilegi dei politici e di quelli meno abbienti? di quella classe dimenticata da tutti?Di quelle persone che oggi non vivono, ma sopravvivono cercando di arrivare a fine mese con gli stipendi da fame, e non e' un problema solo dei giovani, ma anche di gente che ha superato i 40 che fatica a reinserirsi nel mondo del lavoro ma che e' troppo giovane per chiedere la pensione.
Un'azienda si occupa di entrate, uscite, guadagni e ricavi di certo non si occupa del sociale, non e' tema che la riguarda, paragonare la gestione di uno stato alla gestione di un'azienda significa porla in termini di guadagno (e colui che chiama l'Italia "azienda Italia" sta ampiamente cercando, e riuscendoci, di portare a casa il proprio guadagno che non deve essere necessariamente monetario.
Ho capito benissimo cosa intendi, il rendere chiaro e limpido che effetivamente si sta "facendo", e non "parlando di..", democrazia; la democrazia quella vera, quella senza pregiudizi, quella senza preconcetti, quella del parlare chiaro e del pane al pane e vino al vino, quella a cui seguono i fatti alle belle parole, quella fatta di onesta' e trasparenza, quella che si puo' leggere nelle piccole sfumature.


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da lanciamichele il Lun Gen 17, 2011 11:40 pm

Ciao; appartengo alla schiera degli assenti che hai menzionato, e credo che non Costituiremo mai un partito politico, 60 anni di Democrazia ci hanno confusi Abbastanza, dalla mia esperienza personale ho rilevato che la opinione prevalente dei soggetti politicamente assenti,definisce i politici con termine”sono tutti uguali”“ladri” in egual modo quelli schierati hanno lo stesso concetto,però a differenza dei primi si schierano, con chi? Con chi reputano corrispondente alla stessa percezione della morale, simile alla propria, quindi se si è tutti immorali
per proprio rendiconto personale,quelli che si battono per una sana morale sono dei Giustizialisti, eversivi, calunniatori, ricapitolando ciò che hai compreso è proprio ciò che intendevo,la democrazia non và proclamata
è la strada imprescindibile da seguire. La sovranità popolare però non conta nulla se le regole che accompagnano lo sviluppo della democrazia sono contestabili ed eludibili, ed è qui la chiave, come si fa a costruire regole incontestabili, ineludibili, semplicemente osservando i risultati della propria storia. Tra i primi punti metterei; che l’arricchimento personale dei beni materiali prodotti e circolanti quindi anche i soldi,abbiano un tetto massimo di cumulabilità oltre il quale non si possa eccedere,causa il conseguente sottosviluppo per deficit delle pari opportunità economiche,credo che ciò sia una rivoluzione democratica,incontestabile e di grande risoluzione, perchè non lesivo ma un arricchimento della stessa democrazia.

lanciamichele

Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 09.01.11

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Ospite il Mar Gen 18, 2011 7:51 am

lanciamichele ha scritto:Ciao; appartengo alla schiera degli assenti che hai menzionato, e credo che non Costituiremo mai un partito politico, 60 anni di Democrazia ci hanno confusi Abbastanza, dalla mia esperienza personale ho rilevato che la opinione prevalente dei soggetti politicamente assenti,definisce i politici con termine”sono tutti uguali”“ladri” in egual modo quelli schierati hanno lo stesso concetto,però a differenza dei primi si schierano, con chi? Con chi reputano corrispondente alla stessa percezione della morale, simile alla propria, quindi se si è tutti immorali
per proprio rendiconto personale,quelli che si battono per una sana morale sono dei Giustizialisti, eversivi, calunniatori, ricapitolando ciò che hai compreso è proprio ciò che intendevo,la democrazia non và proclamata
è la strada imprescindibile da seguire. La sovranità popolare però non conta nulla se le regole che accompagnano lo sviluppo della democrazia sono contestabili ed eludibili, ed è qui la chiave, come si fa a costruire regole incontestabili, ineludibili, semplicemente osservando i risultati della propria storia. Tra i primi punti metterei; che l’arricchimento personale dei beni materiali prodotti e circolanti quindi anche i soldi,abbiano un tetto massimo di cumulabilità oltre il quale non si possa eccedere,causa il conseguente sottosviluppo per deficit delle pari opportunità economiche,credo che ciò sia una rivoluzione democratica,incontestabile e di grande risoluzione, perchè non lesivo ma un arricchimento della stessa democrazia.

Mi trovi molto d'accordo su tutti i punti, la vera rivoluzione sarebbe cambiare completamente il sistema, la vera rivoluzione sarebbe sanare il dislivello sociale che si sta venendo a creare e che temo peggiorera' sempre di piu'.
Era questo che il discorso che facevo in altro post sull'eguale importanza di tutti i lavori in termine di salario, nessuno si mette mai a discutere di che privilegi possano toccare alle classi meno abbienti.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: "GIOVANE ITALIA" Ritorno alle Origini per aver un Futuro

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum