Legalizzazione della prostituzione?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Ospite il Gio Gen 13, 2011 12:19 pm

In realtà la discussione credo che sia all'inizio.

Giustamente ora la discussione stava vertendo sui limiti.

Case chiuse?

Possibilità di operare nel proprio appartamento privato?

Io per esempio sulla seconda non sono d'accordo, ma per motivi molto pratici.

La cosa andrebbe a danno della 'quiete' condominiali, anche perchè a quel punto bisognerebbe imporre orari e similari.
Capite che la cosa rischierebbe di genere liti a non finire.
Oltretutto si diminuirebbe il controllo sui fattori sanitari per esempio.

Una struttura ben organizzata, una vera e propria azienda, invece la reputo la cosa migliore per ottenere i risultati migliori sotto l'aspetto della civile convinvenza, controllo sanitario, ecc...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Ospite il Gio Gen 13, 2011 12:21 pm

Marco88 ha scritto:Si indubbiamente fuori tema.Tanto il topic ha esaurito la sua funzione, praticamente tutte le persone di buon senso sono favorevoli alla legalizzazione della prostituzione, più che altro per senso pratico.
E' un problema complesso. Come si fa? Io sono contrario a qualsiasi tipo di censura e di condizionamento della libertà di espressione. Come dice mia madre "bisogna partire dalle scuole" e trasmettere qualcosa di sano.
o

Le scuole sono una catena fondamentale dell'educazione, non servono solo a dare nozioni e cultura, ma anche a trasmettere rispetto, dignita' e valori e la scuola italiana in questo ha fatto passi indietro da gigante.
Le famiglie non sono piu' in grado di educare senza prendere in esame tutto quello che gira intorno al mondo dei giovani e della loro educazione.
Come sempre ho detto siamo tutti responsabili perche' un giovane e' una spugna che cresce guardando la societa' intorno che non e' una cosa astratta, ma siamo tutti noi adulti che dovremmo farci un esame di coscienza.
Liberta' di espressione tocca vedere cosa si intende, perche' la definizione di liberta' e' che la mia finisce dove inizia la tua, liberta' non e' quella di aprire bocca e parlare a casaccio, censura no, ma buon gusto ed educazione ci vorrebbero.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Marco Lucano il Gio Gen 13, 2011 12:23 pm

Umberto Banchieri ha scritto:In realtà la discussione credo che sia all'inizio.

Giustamente ora la discussione stava vertendo sui limiti.

Case chiuse?

Possibilità di operare nel proprio appartamento privato?

Io per esempio sulla seconda non sono d'accordo, ma per motivi molto pratici.

La cosa andrebbe a danno della 'quiete' condominiali, anche perchè a quel punto bisognerebbe imporre orari e similari.
Capite che la cosa rischierebbe di genere liti a non finire.
Oltretutto si diminuirebbe il controllo sui fattori sanitari per esempio.

Una struttura ben organizzata, una vera e propria azienda, invece la reputo la cosa migliore per ottenere i risultati migliori sotto l'aspetto della civile convinvenza, controllo sanitario, ecc...


Mi trovi d' accordo. Però credo che i dettagli organizzativi non sia ancora il caso di approfondirli. Più che altro per non perderci in dettagli. Questa è una proposta importante, che avrà bisogno di tanta fatica e lotte per passare. I dettagli tecnici saranno l'ultimo dei pensieri.
avatar
Marco Lucano

Messaggi : 120
Data d'iscrizione : 03.01.11
Età : 29
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Ospite il Gio Gen 13, 2011 2:22 pm

vero vero, però ti posso anche dire che sto mettendo giù molte delle idee che sono apparse sul forum e su cui c'è un accordo generale tacito (nel senso che nessuno ha detto nulla contro da cui deduco che in genere ci sia concordia su quella proposta) o aperto in maniera da renderle pubblicabili, e ogni dato, idea o particolare in più... fa brodo

In particolare sto cercando di fare una bozza con cui inizia a rendere organico il tema 'sicurezza e legalità'. Solitamente non posto ciò che non ho finito o ciò che non raggiunge quegli standard minimi di qualità che ritengo necessari (per esempio ci sono ancora diverse punti che avevo visto erano usciti sul forum che devono ancora essere integrati), ma visto l'interesse credo che torni utile postare questa bozza per capire cosa intendo.

rapidshare.com Sicurezza_e_legalit__.pdf

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Dario De Vita (iRad) il Gio Gen 13, 2011 4:51 pm

Ragazzi, inizialmente ho colto la proposta con molto interesse ed ho dato la mia adesione a far partire una proposta in questo senso. Mi sono reso conto che però il mio entusiasmo derivava per lo più dall'ipocrisia e dal bigottismo persistenti... una sorta di adesione per "ribellione" se vogliamo vederla in questo modo. Concordo ovviamente sul fatto che non si può dimenticare quest'aspetto a nome di un improbabile atteggiamento "political correct", ma adesso a sentir parlare di case chiuse mi pare di fare un bel passo indietro rispetto a conquiste culturali.

Ho appena letto il commento di Umberto a proposito di agenzie piuttosto che di case chiuse, mi pare affievolire questa sensazione ed in effetti era anche tra le idee che mi frullavano per la testa.
La domanda però a cui per prima dobbiamo rispondere secondo me è: qual'è il risultato che vogliamo raggiungere? Regolamentare la prostituzione non è un obiettivo ma un mezzo per ottenere vantaggi sociali e culturali e per aggiungere un bel paio di occhiali alla miopia su questi argomenti.
Credo che l'obiettivo debba essere:
-quello di combattere in primis il fenomeno della tratta di esseri umani
-migliorare in secondo luogo il controllo sanitario (regolamentando appunto questa attività)
-regolamentare chi vuol intraprendere di propria iniziativa questo mestiere (dato che il proibizionismo non funziona)
-infine evitare di incentivare quest'attività quindi avviare contestualmetne campagne di educazione sessuale.
Anche perché per me è diseducativo che si insegni che si può ottenere tutto semplicemente pagando.
avatar
Dario De Vita (iRad)

Messaggi : 797
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 33
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Ospite il Gio Gen 13, 2011 5:04 pm

Dario De Vita (iRad) ha scritto:
Ho appena letto il commento di Umberto a proposito di agenzie piuttosto che di case chiuse, mi pare affievolire questa sensazione ed in effetti era anche tra le idee che mi frullavano per la testa.

Beh, credo di essermi espresso male, quello che intendevo è che comunque una cosa che dovrebbe rimanere circoscritta con una organizzazione e contrllo che garantisca che quei vantaggi che deriverebbero da una regolamentazione, circoscrizione e legalizzazione andassero persi.

In questo senso parlavo di 'aziende', una eccessiva liberalizzazione (con la possibilità per qualsiasi privato di operare in qualsiasi luogo privato) farebbe perdere qualsiasi vantaggio come per l'appunto il controllo sanitario, evitare la tratta di esseri umani, ecc... insomma parlo che deve essere presente una amministrazione seria della cosa, una gestione 'aziendale' per l'appunto per certi versi...

--

Anche per evitare che quei vantaggi di cui accennavo tipo il risparmio di risorse e 'settare' meglio l'operato delle forze di polizia vada perduto in quanto si deve perdere tempo a controllare (non saltuariamente com'è giusto che sia), ma di continuo, chi nella legalità dovrebbe già esserci.

Una gestione di tipo aziendale, non diffusa, ma ben localizzata limitata e regolamentata quindi secondo il mio parere aiuterebbe la cosa (e avrebbe comunque pochi effetti diseducativi, per lo meno rispetto ad una legalizzazione diffusa e con pochi limiti geografici e di regole) piuttosto che una legalizzazione spinta che permettesse di operare per l'appunto anche in appartamenti privati qualsiasi (con tutti i problemi, per dirne una, terra terra di convinvenza 'condominiale' tra l'altro di cui prima accennavo).

Sul resto che dici sono pienamente d'accordo, ma mi sembra che comunque nella discussione quello non lo si fosse perso di vista, ovviamente però quando si passa dal concetto al come (o ai dettagli) certi argomenti vengono parzialmente tralasciati in quanto quelli dovrebbero essere di per loro di base (ma va da sè che forse penso sempre troppo in ottica positiva certe volte e su certe questione, dando per scontato quello che scontato non è ^^ ) e quindi non necessario ribadirli di continuo.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

legalizazzione prostituzione

Messaggio Da maurice32 il Sab Apr 23, 2011 8:17 am

secondo me sarebbe vantaggioso regolamentare la prostituzione anche perchè si potrebbero utilizzare i proventi delle tasse che ne deriverebbero per sostenere i comuni che al momento non essendoci più ici sono rimasti senza liquidità per poter finanziare e migliorare le nostre città che ne pensate?

maurice32

Messaggi : 33
Data d'iscrizione : 22.04.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Legalizzazione della prostituzione?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum