Rischio idrogeologico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Rischio idrogeologico

Messaggio Da archimede/fabio pareto il Mer Nov 10, 2010 7:52 am

consiglio con l argomento ambiente,di istituire una legge che regolamenti soprattutto la rete idrogeologica,fiumi ,rii ecc,in modo da tenerli sempre in ordine mediante assidua manutenzione grazie alla collaborazione dei comuni,ufficio tecnico idrogeologico, con le cave /frantoi che producono sabbia,misto per l edilizia.gli alvei della rete idrogeologica devono essere sempre dragati nel periodo estivo,affinche si evitino pericolosi accumuli naturali di detriti che poi scoppiano in alluvioni nel periodo invernale causando moltissimo danno a cose e persone.il materiale andra ovviamente alle cave,che quindi roderanno di meno le montagne,che abbisognano di reforestazione da trattenuta statica del terreno nel periodo invernale delle piogge,in modo da evitare le frane.

edit by UMBERTO: ho cambiato il titolo al topic per renderlo più attinente al problema trattato

archimede/fabio pareto

Messaggi : 222
Data d'iscrizione : 10.05.10
Età : 55
Località : albenga

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rischio idrogeologico

Messaggio Da Ospite il Dom Gen 16, 2011 11:06 pm

La pulizia dei letti e più in generale dei corsi dei fiumi dovrebbe essere fatta come si deve e con scadenze ben precise.
Per i corsi d'acqua in genere sul territorio sono già radicati associazioni/consorzi/manipoli di persone che si interessano appunto degli interventi da effettuare annualmente o semestralmente. Generalmente le città nelle quali passano corsi d'acqua si preoccupano di interpellare un team di ingegneri per avere un quadro generico dei bacini idrografici presenti sul territorio comunale. Questo serve a calcolare come i fiumi si evolvono negli anni e quali rischi possono presentarsi in caso di alluvioni e quanto altro.
Negli ultimi anni molte situazioni critiche sono state affrontate egregiamente grazie anche agli ottimi lavori effettuati precedentemente, mentre poi abbiamo per esempio un veneto alluvionato a causa della troppa urbanizzazione che interferisce troppo con l'ecosistema natura rendendo alcuni eventi incontrollabili e non scongiurabili con interventi di rutine.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

re

Messaggio Da Ospite il Dom Gen 16, 2011 11:26 pm

ciao andrea,
condivido in pieno la tua preoccupazione e iniziativa per la salvaguardia del territorio. voglio porre però solo una questione. spesso il territorio si increspa di varie competenze tra le quali regione provincia consorzi e comuni e associoazioni il chè a mio avviso determina un forte problema direttivo in quanto spesso e volentieri c'è un rimpallo di competenze tra i vari enti sopratutto quando si tratta di tirar fuori soldi per bonificare zone in dissesto.
Io avrei pensato ad un controllo del territorio affidato alla Protezione civile, la quale deve garantire soccorsi si ma anche conosce bene quali possono essere le problematiche che si verrebbero a creare in caso di dissesto.
Naturalmente il tutto dovrebbe essere agganciato alla stretta sorveglianza dei Comuni, by-passando così le provincie e i consorzi che spesso sono solo d'impiastro sia in tempo che in denaro per una corretta gestione del territorio e dei fondi.

che ne dici?

ciao
Nicola

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Rischio idrogeologico

Messaggio Da Ospite il Lun Gen 17, 2011 12:35 pm

Ciao Nicola,
hai ragione a dire che servirebbe una semplificazione sull'affidamento della gestione dei bacini idrici.
Infatti i bacini idrici sono comunque sotto la sorveglianza dei Comuni i quali in caso di emergenze sono i primi a dover intervenire con protezione civile o quant'altro.
I consorzi di bacino e simili sono molto utili perchè sono formati generalmente anche da tutte quelle persone che sfruttano realmente i bacini per le loro attività e quindi hanno diritto di esporre le proprie problematiche, visto che grazie ai fiumi traggono la fonte principale che gli permette di "portare a casa la pagnotta".
Inoltre lavorando a contatto con queste risorse possono essere i primi a evidenziare situazioni limite che possono degenerare con il tempo e con l'aggiunta di altre variabili.
L'importante è che consorzi, comuni, protezione civile e altri enti interessati comunichino in modo serio ed efficiente tra di loro cercando di porsi come primi obbiettivi quello di scongiurare alluvioni e quant'altro e quello di dare modo a chi utilizza le risorse idriche di svolgere il proprio lavoro nella miglior maniera possibile, ovviamente senza arrecare danno alla natura.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Rischio idrogeologico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum