Le banche e il loro ruolo etico e sociale in questi anni.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le banche e il loro ruolo etico e sociale in questi anni.

Messaggio Da Dario De Vita (iRad) il Lun Apr 30, 2012 3:21 pm

Riporto una interessantissima intervista rilasciata da un coscienzioso imprenditore italiano (articolo di Sergio Di Cori Modigliani)
Leggete tutto l'articolo ed in particolare la biografia dell'imprenditore: http://ilupidieinstein.blogspot.it/2012/04/il-piu-grande-imprenditore-italiano.html
(il titolo è un po' altisonante, ma l'articolo andrà bene per farsi un'idea).

Finito di leggere l'articolo? La domanda che pongo allora è: cosa può fare lo stato per arginare gli effetti della speculazione finanziaria e spingere per passare finalmente risorse ad attività produttive?
avatar
Dario De Vita (iRad)

Messaggi : 797
Data d'iscrizione : 27.04.10
Età : 33
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Le banche e il loro ruolo etico e sociale in questi anni.

Messaggio Da Ospite il Mar Mag 01, 2012 9:20 pm

per quanto riguarda la cooperatività aziendale avevo gia espresso le mie idee in http://www.forum.nuovademocraziaeuropea.it/t1476-art18-e-riforma-del-lavoro
e come allora confermo in pieno il pensiero del luxottica menagement.
Per quanto riguarda le banche sono espressamente favorevole per liberalizzarle, fin quando saranno i soliti quattro magnati possono sempre concordare le strategie bancari eguali per tutti.Non cè altra soluzione, pultroppo la finanza è bloccata dalle sughisangue gestionali atte ad arricchirsi ed affondare l'economia.....

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum